UNA RAZZA ROBUSTA E RESISTENTE

L' Alpenlaendische Dachsbracke è una razza di origine settecentesca originaria dell'Austria coniata dai pittori animalisti Ludwig Beckmann e Otto Grashey, e mentre Alpenlaendische significa "delle Alpi", il termine "Dachsbracke" può avere doppia interpretazione, sia per il termine Dachs tasso come "segugio tasso" pensando all' omologia degli appiombi anteriori di molti soggetti con quelli del selvatico, sia come derivazione da Dachshund (bassotto) volendo intendere un cane di taglia intermedia tra il segugio e il bassotto senza esserne un incrocio.

I primi scritti e rappresentazioni grafiche testimonianti cani simili ai Dachsbracke risalgono all'epoca romano.gallica, sempre esistiti nelle montagne dell'Europa Centrale.
Alcuni dipinti del XVII secolo di Franz Von Defregger raffigurano cani da caccia con fattezze corrispondenti al Dachsbracke.

La selezione che ha creato il cane "bassetto" che conosciamo oggi è stata fatta da cacciatori delle zone dell'Europa Centro-Orientale che desideravano cani che fossero capaci di recuperare ungulati feriti ma anche scavare e inseguire animali come lepri, volpi e cinghiali; usavano ceppi di segugi locali di piccoli dimensioni e zampe corte creando cani solidi e muscolosi ma disomogenei.

Fu la razza preferita da molti personaggi storici come il Principe ereditario Rodolfo d'Asburgo che li usò nelle sue battute di caccia in Turchia e in Egitto.

La prima descrizione ufficiale della razza risale al 27 settembre 1896 grazie al club costituitosi il 15 marzo dello stesso anno. 

Nel 1931 il klub Dachsbracke richiese formalmente al Kennel club austriaco il riconoscimento della razza come cane da traccia; dall'anno successivo divenne il terzo "Schweisshund" insieme ad Annoveriano e Bavarese.

Nel 1975 il Dachsbracke, fino ad allora chiamato Alpine-Erzegebirgs, assunse il nome attuale e la FCI dichiarò l'Austria suo paese d'origine.

L' Alpenlaendische Dachsbracke è incluso con il numero 254 nella seconda sezione del 6° gruppo (cani per pista di sangue) delle razze riconosciute dalla FCI.

Il Dachsbrache è un cane di piccola taglia, resistente, con arti corti e muscolatura ben sviluppata, di colore rosso cervo, rosso carbonato, rosso giallastro, marrone e nero focato.

E' un cane affettuoso, coccolone, molto attaccato alla famiglia ma sempre pronto a battute di caccia o attività insieme. Attenzione va fatta nella socializzazione con altri cani: un cane adulto raramente va d'accordo con conspecifici dello stesso sesso.

E' un cane che lavora a stretto raggio, perfetto per "girate" a cinghiali. Si avvicina all'animale in silenzio per poi avvisare il cacciatore con abbaio a fermo senza essere troppo pressante sul selvatico, per poi dare voce nella seguita senza esagerare. La seguita viene subito lasciata con rientro dal conduttore in caso di abbattimento dell'animale o al superamento da fare dello stesso della linea delle poste.

Share by: